L’informatica forense è la scienza che studia l’individuazione, la conservazione, la protezione, l’estrazione, la documentazione, l’impiego ed ogni altra forma di trattamento del dato informatico al fine di essere valutato in un processo giuridico.
In Italia, la legge di riferimento che definisce come utilizzare a livello giuridico i risultati di un’attività di analisi forense in tribunale, è la legge 18 marzo 2008 n. 48, nota anche come “Legge di ratifica della Convenzione di Budapest”.
Attualmente in Italia le norme in vigore prevedono:
• Sanzioni sempre più pesanti per i reati informatici;
• Norme di contrasto sempre più forti contro la pedopornografia in rete;
• Sanzioni anche a carico delle società;
• Possibilità per le forze dell’ordine di chiedere al provider il congelamento dei dati telematici per 6 mesi;
• Maggiori tutele per i dati personali.